Viaggi

Thailandia

Questa presentazione richiede JavaScript.

La Thailandia mi ha immediatamente travolto col suo fascino, un luogo con un anima propria e forte, un paesaggio straordinario di una ricchezza indescrivibile. La gente è meravigliosa, davvero il popolo del sorriso. Persone fantastiche, molte delle quali in grado di dimostrare dignità anche immerse nella miseria. “Mai Pen Rai” significa “non importa, lascia stare, non ha importanza”, perché tutto si supera, col sorriso. BANGKOK: Appena arrivato lo shock è violento, il primo sentimento è il disgusto per lo smog soffocante, il rumore assordante, il caos, la sporcizia ed i contrasti violenti… …improvvisamente tutto il brutto scompare e diventa irrilevante, affascinante. Le persone sono affaccendate nei propri lavori, ognuno ha un proprio posto ed un proprio spazio, anche solo il metro quadro di una bancarella apparentemente misera, ma la miseria, in fondo, cos’è quando si riesce a mangiare, vivere sorridendo e rispettarsi? Non si avverte pericolo, minaccia, ostilità. Le imponenti strutture architettoniche, il sapore del cibo, il profumo nei templi, la tradizione. Si è sopraffatti da una città enorme e piccola, nuova e vecchia, straordinaria in ogni suo aspetto. DAMNOEN SADUAK: E’ qui che si trova il miglior esempio di mercato galleggiante rimasto in Thailandia, anche se è ormai una ricostruzione per turisti e gli oggetti in vendita sono  souvenirs reperibili ovunque. Interessanti sono le barche-bancarella con frutta o cucine funzionanti che servono pasti completi in mezzo all’acqua. La Provincia di KRABI è lussureggiante: affacciata sul Mar delle Andamane comprende una serie infinita di isole e isolotti ed una costa fantastica. Purtroppo, la crescente affluenza di visitatori ha portato gli abitanti a rincorrere il modello occidentale e così gran parte del fascino del luogo si è pian piano trasformato in un parco giochi per Europei ed Australiani che soffocano, sporcano e appestano questi luoghi fantastici. La gente del posto sembra convinta che sia un bene disseminare ristoranti Italiani a scapito di quelli thailandesi. Non ho certo volato dodici ore per mangiare una pizza! In ogni caso, i luoghi da vedere e le cose da fare sono innumerevoli, anche l’entroterra merita una visita e girare in scooter o in bici rende il tutto più affascinante, con i mille suoni che provengono dalla jungla, le scimmie che si affacciano curiose, gli elefanti, i fiori di ogni genere. AYUTTHAYA è l’antica capitale del Siam, distrutta nel diciottesimo secolo dai Khmer e in parte saccheggiata da Rama V che trasferì la capitale prima a Thon Buri e poi a Bangkok. Si narra che al massimo del suo splendore Ayutthaya avesse un milione di abitanti, una quantità enorme per l’epoca. Decine e decine di templi spiccavano nell’isola fluviale sulla quale la città è situata e ancora oggi è possibile visitare le moltissime rovine, alcune ancora molto ben conservate, strappate alla vegetazione. Si raggiunge in un’ora di treno da Bangkok e l’ideale è visitarla in bicicletta. Questa è stata una delle più belle giornate del mio primo viaggio. La seconda volta sono tornato in Thailandia dal nord, arrivando da Vientiane mi sono fermato a Nong Khai e poi sono sceso giù fin sul Golfo di Thailandia nella cittadina di Hua Hin. E’ e rimane un luogo magico con gente straordinaria, ma purtroppo queste persone stanno svendendo anno dopo anno la loro personalità e cultura all’occidente, annullando tutto quello che hanno di misterioso, affascinante, storico e culturale per un hamburger o una pizza. Peccato! Durante il mio secondo viaggio ho tenuto un diario di viaggio, che potete leggere cliccando nel menu Thailandia in alto.

Laos, Viaggi

Laos

Questa presentazione richiede JavaScript.

Da dove cominciare? Questo viaggio è nato come una fuga in un momento non troppo felice, ho cercato un luogo che immaginavo calmo, intatto, sicuro e piacevole. La scelta si è rivelata perfetta. In questo paese è ancora possibile toccare, annusare ed assaggiare le tradizioni, l’anima di un popolo composto da decine di etnie diverse che è riuscito con fatica a far sopravvivere la propria identità fino ad oggi. Purtroppo, questo non durerà ancora per molto. Il Laos è un paese attorniato da tre giganti del progresso accelerato come Cina, Thailandia e Vietnam e presto ne subirà le influenze. Fortunatamente sono stati istituiti un sacco di parchi nazionali, la natura sembra essere ancora salva e le persone sono così belle, genuine e sorridenti che è impossibile non amarle. Ho tenuto un diario di viaggio quotidiano per la prima volta in un viaggio, ed è una cosa utilissima per sè stessi e per conservare nel tempo ogni piccolo dettaglio e sensazione provati. Nel prossimo articolo, il diario di viaggio completo

Viaggi

Sarong

Finalmente stringo fra le mani il biglietto aereo! Tutto pronto, fra un mese esatto prenderò il volo China Airlines Roma-Bangkok e poi Bangkok-Luang Prabang e sarò in Laos, il cui nome significa “Terra da un milione di Elefanti”. Oggi ne sono rimasti circa duemila ma la natura rimane incontaminata e l’intero paese una perla di (quasi) intatta tradizione e bellezza. In questa vacanza, in cui sarò solo con i miei pensieri e la mia curiosità, non avrò alcun bagaglio: porterò uno zainetto con fotocamera, spazzolino, due mutande e due T-shirt. Nessuna valigia. Nessuna prenotazione. Nessun itinerario. Una volta arrivato, mi procurerò un Sarong come quello in foto e, infilati i sandali, sarò quanto di meno assomiglia ad un turista.